Cambiare Prestito

I Prestiti Flessibili e Consolidamento Debiti

Il prestito è un contratto vincolante per diversi anni, ma in talune circostanze il contraente può scegliere di apportare modifiche al finanziamento per affrontare le scadenze in modo più sereno.

Alcuni contratti di prestito sono, infatti, caratterizzati da una notevole flessibilità, in virtù della quale il debitore ha la possibilità di apportare modifiche senza aggravi di spese, ad esempio cambiando l'importo delle rate, saltando alcuni pagamenti ed estinguendo il finanziamento in anticipo, libero da penali. Ovviamente tutte le condizioni per attivare tali modifiche sono indicate nei contratti di questi prestiti flessibili, i quali sono molto popolari al giorno d'oggi.

Altri contratti non prevedono tale flessibilità, tuttavia in caso di necessità si può tentare di rinegoziare il prestito illustrando con onestà la propria situazione al creditore che ha interesse a trovare una soluzione soddisfacente per il cliente senza arrivare alle soluzioni estreme previste in caso d'insoluto.

Un'altra strada che si può percorrere è quella del consolidamento debiti, una soluzione che consente di aprire un nuovo finanziamento annullando i prestiti in corso, i quali vengono riuniti in un'unica rata, e ridefinendo i tempi per il rientro, con un allungamento che consente di beneficiando di singole rate di importo minore. Il consolidamento debiti si rivela utile anche quando è necessaria ulteriore liquidità.

Quando la situazione personale lo consente si può, inoltre, interrompere anticipatamente il finanziamento restituendo il capitale e gli interessi rimanenti, insieme ad una penale qualora sia prevista. La penale per l'estinzione anticipata è fissata dal contratto, comunque per legge essa non può essere superiore all'1% del capitale residuo quando si tratta di credito al consumo.